Si tratta della nuova misura del governo per aiutare e sostenere le famiglie in Italia che entrerà in vigore dal 1 luglio 2021 grazie al provvedimento Family Act e alla nuova manovra 2021.

Il suo obiettivo è quello di accorpare le tante agevolazioni a sostegno della genitorialità attualmente previste, in una sola che garantisca il riordino ed il rafforzamento delle misure di sostegno economico per i figli a carico e quelle a sostegno della genitorialità.

I beneficiari dell’Assegno Unico saranno tutti i genitori italiani, quelli dell’Unione europea e gli extracomunitari con permesso di soggiorno di lungo periodo, di lavoro o di ricerca, residenti in Italia da almeno due anni anche non continuativi e, naturalmente, con figli a carico che non abbiano ancora raggiunto i 21 anni di età.

A seconda dell’ISEE dichiarato, ogni famiglia riceverà per ciascun figlio, dal 7mo mese di gravidanza e fino al 21esimo anno di età, un assegno mensile, che dovrebbe essere compreso tra i 200 e i 250 euro, con una maggiorazione del 20% per i figli successivi al secondo

L’assegno per i figli disabili godrà di una maggiorazione tra il 30 e il 50% e avrà validità per tutta la vita, senza limitazioni d’età.

L’assegno unico figli coesisterà con il bonus bebè.